Assicurazione della responsabilita’ civile

L’onere della preventiva richiesta, all’assicuratore, di risarcimento del danno, posto dall’art. 22 l. n. 990/69 a carico del danneggiato che intenda esercitare l’azione giudiziaria, è adempiuto in caso di impresa assicuratrice in liquidazione coatta amministrativa, mediante la richiesta al commissario liquidatore che sia stato autorizzato, a norma dell’art. 9 d.l. n. 857/76, a procedere alla liquidazione dei danni anche per conto del fondo di garanzia per le vittime della strada, in deroga all’art. 19 comma 3 l. n. 990/69, non essendo necessaria ulteriore richiesta all’impresa designata.

 

SVOLGIMENTO DEL PROCESSo
C.G. ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un motivo avverso la sentenza del tribunale di Napoli del 25.1.2006, che aveva ritenuto improponibile llazione, dallo stesso promossa, di risarcimento dei danni subiti in un sinistro stradale, per avere, llodierno ricorrente, inviato la R.R. prevista dalla L. 24 dicembre 1969, n. 990, art. 22 soltanto alla spa LLEdera in liquidazione coatta amministrativa,, e non anche alla spa Generali quale impresa designata ex art. 20 della stessa legge.
Resiste con controricorso llEdera Compagnia Italiana di Assicurazioni spa.
Gli altri intimati non hanno svolto attivitaa difensiva.

MOTIVI DELLA DECISIONE
Con unico motivo il ricorrente denuncia la violazione della L. 24 dicembre 1969, n. 990, artt. 19, lett. e, artt. 20 e 22 e del D.L. del 23 dicembre 1976, n. 857, art. 9 in relazione alllart. 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5.
Il motivo ee manifestamente fondato.
Infatti llonere della preventiva richiesta, alllassicuratore, di risarcimento del danno, posto dalla L. 24 dicembre 1969, n. 990, art. 22 a carico del danneggiato che intenda esercitare llazione giudiziaria, ee adempiuto in caso di impresa assicuratrice in liquidazione coatta amministrativa, mediante la richiesta al commissario liquidatore che sia stato autorizzato – come nella specie risulta dalla documentazione depositata assieme al ricorso (decreto di messa in liquidazione coatta amministrativa della spa LLEdera) – , a norma del D.L. n. 857 del 1976, art. 9 a procedere alla liquidazione dei danni anche per conto del fondo di garanzia per le vittime della strada, in deroga alla citata L. n. 990, art. 19, comma 3 non essendo necessaria ulteriore richiesta alllimpresa designata.
E cioo, sia perchee ee il commissario liquidatore della societaa assicuratrice in liquidazione coatta amministrativa il soggetto che, avendone avuta la necessaria autorizzazione, deve procedere alla liquidazione del danno, sia perchee llimpresa designata, dovendo provvedere, a norma del medesimo D.L. n. 857 del 1976, art. 9 alllassistenza tecnica del commissario liquidatore, deve ritenersi a conoscenza della richiesta trasmessa dal danneggiato al commissario liquidatore (Cass. 21.4.2006 n. 9363; Cass. 29.7.2002 n.11161; Cass. 8.4.1998, n. 3639; Cass. 17.1. 1992 n. 524).
Il ricorso ee, pertanto, accolto; la sentenza ee cassata, con rinvio al tribunale di Napoli in persona di diverso magistrato.
Le spese vanno rimesse al giudice del rinvio.

P.Q.M.
LA CORTE accoglie il ricorso. Cassa e rinvia, anche per le spese, al tribunale di Napoli in persona di diverso magistrato.
Cosii deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione terza civile della Corte di cassazione, il 17 novembre 2010.
Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2010
 




Avvocato Cucuzza Agostino

Agostino Cucuzza (Locri, 1977), dopo la maturità scientifica, ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Messina. Ha maturato esperienza presso lo studio legale Speziale, sito in Siderno alla via P. Romeo, 66, specializzato in diritto penale e civile. Di seguito, ha collaborato per quattro anni con lo studio legale dell'avv. Antonio Russo, sito in Ardore, piazza Dante, 2 approfondendo le conoscenza nel campo del diritto penale. Svolge altresì, in proprio, la professione forense dal 2009 presso il suo studio sito in Bovalino (R.C.) alla via Francesco Calfapetra, 48.

Vai alla scheda del professionista